I migliori nootropi per Brain Fog nel 2020

nootropics for brain fog

nootropi per nebbia cerebrale

Ripristina e ricarica per un pensiero più chiaro

Colline e montagne nebbiose sono cose di bellezza. Eppure, un cervello pieno di nebbia è assolutamente non bellissimo. (Anche se, per essere onesti, in realtà non l’ho mai fatto visto un cervello nebbioso; solo provato esso … e fa schifo!) Quando colpisce la nebbia del cervello, i pensieri scompaiono, i ricordi si confondono, la motivazione e l’umore si riducono … In sostanza, tutti i tipi di pensiero diventano molto più difficili di quanto debbano essere. Eppure, per fortuna, nootropi per nebbia cerebrale può aiutare a chiarire le cose.

Ma prima: Che cosa esattamente è cervello annebbiato?

Come si sente la nebbia del cervello? Da dove viene la nebbia del cervello? PERCHÉ è nebbia del cervello ?? PERCHÉ QUALCOSA?!?

Sfortunatamente, non ho abbastanza tempo per rispondere a quest’ultima domanda, ma ti guiderò attraverso le prime poche domande e poi alcune mentre leggiamo i nootropi per la nebbia del cervello, nonché i migliori integratori nootropici per la chiarezza mentale. OMGOMGOMG Sono così eccitato – Iniziamo.

La versione TL; DR: Il pensiero chiaro è grandioso. Il contrario, la nebbia del cervello, non lo è. Vari fattori possono contribuire alla nebbia del cervello, in particolare a bassa energia, privazione del sonno, stress e cattiva alimentazione. I cambiamenti nello stile di vita nelle categorie del sonno, della dieta e dell’esercizio fisico sono il primo punto da cui iniziare a combattere la nebbia cerebrale. Tuttavia, con l’avanzare dell’età, la nebbia del cervello diventa più una cosa comune, quindi non è una cattiva idea cercare un piccolo intervento nootropico – in particolare i nootropi energizzanti del cervello – per chiedere aiuto.

Che cos’è la nebbia cerebrale?

Mentre il termine “cervello annebbiato” è un po ‘una metafora (vale a dire, non c’è nebbia o nebbia reale che avvolge il tuo cervello), è una descrizione piuttosto morta dell’esperienza. Allo stesso modo in cui il tempo nebbioso disturba la chiarezza visiva, la nebbia del cervello oscura la chiarezza del pensiero. La nebbia cerebrale è stata associata a stati temporanei e transitori di scarsa memoria, attenzione, funzione esecutiva, velocità di elaborazione e altri lievi disturbi cognitivi.

Tuttavia, forse il motivo per cui ricorriamo alla metafora colloquiale nel nominare l’esperienza “cervello annebbiato“È perché deve ancora essere formalmente riconosciuto come una condizione medica o psicologica. Altri nomi per la nebbia del cervello includono esaurimento del cervello, affaticamento del cervello e (il mio preferito) cervello morto:

“Il tuo cervello è morto ?!”
“Sì, amico … fa schifo.”

L’enfasi deve essere posta sul temporaneo aspetto della nebbia del cervello. A differenza dell’ADHD clinico o dell’ansia, che comportano menomazioni cognitive a lungo termine, la nebbia cerebrale è più simile a un’interruzione cognitiva a breve termine. Potremmo anche definire il pensiero lento ed emicrania associato ai postumi di una sbornia come una sorta di nebbia cerebrale.

Tuttavia, non tutti gli episodi di pensiero confuso possono essere bloccati a una causa distinta di comportamento rauco. Alcuni eventi di nebbia cerebrale si verificano spontaneamente (o almeno apparentemente spontaneo) – e se tali eventi si verificano abbastanza frequentemente, allora un po ‘di indagine mentale e cambiamenti comportamentali nello stile di vita possono essere in ordine.

Come si sente la nebbia del cervello?

Fondamentalmente come questo.

Come ho suggerito in precedenza, la nebbia del cervello si sente come sembra: come se la testa si perdesse nella nebbia. Il pensiero diventa l’equivalente mentale dello strabismo per vedere una persona in mezzo alla folla che assomiglia tutti all’amico che dovresti incontrare. Trovare le parole giuste o i processi di pensiero richiesti per un determinato compito diventa un compito in sé e per sé.

La frustrazione rafforza solo la nebbia, portando a ulteriore frustrazione. E se stai lavorando su scadenze, la nebbia del cervello può portare a un panico senza speranza.

La nebbia del cervello si sente come sembra: come se la testa si perdesse nella nebbia.

Però, sintomi della nebbia cerebrale può variare, tra cui alterato:

  • Richiamo verbale
  • Memoria a breve termine (funzionante)
  • Orientamento spaziale
  • Multitasking
  • Focus e attenzione
  • Conservazione della memoria (apprendimento)
  • Elaborazione matematica
  • Umore e motivazione
  • Benessere emotivo

L’invecchiamento porta un naturale declino delle prestazioni cognitive. Man mano che invecchiamo, la nebbia diventa più uno stato permanente … che è una terrificante immagine mentale che mi fa venir voglia di scrivere delle fantastiche poesie a tema della morte. Ma… per lo scarabocchio o scarabocchio medio, sano, la nebbia del cervello indica spesso una carenza mentale e / o fisica.

Senza ulteriori indagini e interventi, frequenti episodi di nebbia cerebrale possono trasformare un inconveniente apparentemente a breve termine in un problema continuo a lungo termine, come affaticamento cronico o disturbi dell’attenzione.

La scienza della nebbia cerebrale

Poiché la nebbia del cervello non ha un riconoscimento medico o psicologico, la scienza della nebbia del cervello è alquanto succinta e mal definita. Mentre conosciamo ragionevolmente i sintomi della nebbia del cervello – scarsa memoria di lavoro, creatività, giudizio, attenzione, ecc. – le cause e gli impatti fisiologici rimangono … beh, nebbiosi.

Tuttavia, nei casi clinicamente osservati di esaurimento mentale, i ricercatori hanno identificato alcuni cambiamenti anatomici che possono essere associati ai sintomi comuni alla nebbia del cervello.

Cambiamenti nella struttura del cervello

In particolare, le strutture cerebrali che sembrano essere influenzate dal burnout cerebrale includono:

Corteccia Prefrontale

Il Corteccia prefrontale (PFC) copre la parte anteriore del cervello e sembra essere coinvolto nella pianificazione e nel giudicare comportamenti complessi, espressioni, decisioni e così via. È una delle parti più sviluppate del cervello umano, che controlla gran parte di ciò che ci rende, beh … ci comportiamo appropriatamente in contesti sociali, per così dire. Con l’avanzare dell’età, il PFC si assottiglia naturalmente, contribuendo al disturbo cognitivo legato all’età. Tuttavia, il burnout mentale prolungato sembra contribuire anche a un PFC più sottile, indipendentemente dall’età.

In altre parole, un cervello bruciato possiede una capacità più debole di comportamento socialmente appropriato. Le funzioni PFC per il corretto giudizio e il processo decisionale si deteriorano, essenzialmente appannando la tua capacità di distinguere ciò che è e non è importante per il compito da svolgere. Ecco il mio giudizio al riguardo: non va bene.

Amygdala

Il Amygdala svolge un ruolo chiave nella stabilità emotiva, negli istinti di sopravvivenza e nella memoria, in particolare in relazione alla memoria. Quando pensi all’amigdala, dovrebbe venire in mente la parola “paura”, poiché questo organo cerebrale controlla la nostra risposta alla paura a determinati stimoli. La paura è la chiave della nostra sopravvivenza. Tuttavia, troppa paura ci rende paralizzati di fronte a potenziali risultati. Il viaggio dell’eroe inizia con un’avventura verso l’ignoto spaventoso. Un’amigdala iperattiva riduce le nostre possibilità di attraversare l’ignoto.

E potresti averlo già indovinato: il burnout cerebrale contribuisce ad un’amigdala allargata. Questo può spiegare la perdita di controllo emotivo che spesso accompagna la nebbia del cervello e il burnout.

Gangli basali

Spesso esplorato in termini di stress, il tipo di esaurimento mentale associato al burnout cerebrale sembra correlarsi con riduzioni significative delle dimensioni nella ippocampo, nucleo caudato e putamen (della regione dei gangli della base). Complessivamente, queste parti del cervello regolano la memoria e l’apprendimento, nonché l’inibizione della risposta allo stress. Un cervello affaticato e / o sovraccarico impegna un rilascio eccessivo di glutammato, un neurotrasmettitore eccitatorio che, in condizioni eccessive, riduce la funzione dei gangli della base. È interessante notare che il burnout cerebrale prolungato sembra influenzare in modo simile i gangli della base come un evento traumatico acuto traumatico.

Fatica cronica

Nebbia cerebrale che dura per periodi prolungati può essere classificata come Sindrome da affaticamento cronico (CFS), che è definito come: affaticamento mentale e / o fisico per un periodo superiore a 6 mesi. Questo tipo di nebbia cerebrale in corso accompagna spesso altre gravi condizioni di salute, come la fibromialgia (FMS). Le condizioni dolorose del corpo possono influire negativamente sulla cognizione, portando a ulteriore affaticamento mentale, nebbia, ansia e congestione verbale. Ciò evidenzia uno degli aspetti strani e complessi della nebbia del cervello: non ha origine strettamente da un disturbo cerebrale. Alcuni disturbi fisici che persistono a lungo possono contribuire alla CFS, creando un’esperienza di nebbia cerebrale persistente e perpetua.

Come cancellare un cervello nebbioso

Fai una corsa a lunga distanza … sì, fallo. L’esercizio aerobico è in realtà fantastico per la chiarezza cognitiva. E questo fatto suggerisce le ovvie soluzioni alla nebbia del cervello: sonno migliore, esercizio fisico migliore, dieta migliore. Ma, naturalmente, lo sapevi già tutto questo – tutti sanno tutto questo. Quindi, invece, quello che vuoi sapere è: oltre a fare delle cazzate, come posso cancellare il mio cervello nebbioso? Semplice, quello che vorrai fare è trovare nootropi che migliorino quanto segue:

Uscita di energia mitocondriale

La caffeina stimola temporaneamente il cervello, ma fa seguito a un incidente. Nootropi che migliorano la funzione di mitocondri, le fonti primarie di energia ATP del corpo realizzano il contrario: migliorano l’energia cellulare per una funzione cognitiva a lungo termine. I nootropi possono migliorare la produzione di energia mitocondriale di:

  • Riduzione del danno ossidativo mitocondriale
  • Trasporto di materie prime per conversione ATP
  • Proteggere l’integrità della membrana mitocondriale

Una migliore produzione mitocondriale contribuisce a riserve di energia naturale più sane, riducendo il rischio di esaurimento del cervello.

Attività di catecolamina

L’eccessiva o prolungata attività cerebrale porta alla deplezione di catecolamina (ad es. Dopamina, noradrenalina). E quando i livelli di catecolamina diminuiscono, anche la concentrazione, l’umore e la motivazione diminuiscono. L’esaurimento del cervello entra in azione e la tua capacità di lavoro diminuisce. I nootropi possono favorire l’attività della catecolamina:

  • Fornitura di materiale precursore della catecolamina
  • Assistenza nei processi di conversione della catecolamina
  • Affilatura della sensibilità del recettore della catecolamina

Per l’esaurimento della catecolamina a breve termine, i nootropi catecolaminergici possono aiutare a ripristinare l’equilibrio.

Resistenza allo stress

Lo stress colpisce dannatamente vicino a tutto, compresi i livelli di catecolamina. In effetti, lo stress eccessivo è uno dei principali fattori che contribuiscono all’esaurimento della catecolamina, e quindi un offensore primario nel burnout cerebrale. I nootropi adattogeni possono aiutare a rafforzare le resistenze del cervello e del corpo allo stress, migliorando le risposte allo stress iperattivo e limitando anche i danni derivanti da troppo stress.

A causa dell’ampia definizione di stress, non è realistico aspettarsi che un singolo adattogeno neutralizzi completamente gli effetti negativi dello stress. Tuttavia, uno stack adattogeno intelligente può fare molto per aiutare a bloccare un sistema di risposta allo stress andato storto.

Circolazione cerebrale

Quando il flusso di sangue al cervello è limitato, il cervello è limitato. Con l’avanzare dell’età, la circolazione ridotta diventa un problema sempre più grande, che porta ad altri problemi cognitivi. Corretta circolazione cerebrale assicura che il cervello riceva abbastanza ossigeno e sostanze nutritive per funzionare, motivo per cui i nootropi che migliorano la circolazione cerebrale si sentono davvero, davvero bene. Di tutti i modi in cui i nootropi possono aiutare a sconfiggere la nebbia del cervello, i segnali di potenziamento circolatorio riescono meglio a realizzare quella sensazione di chiarezza “ahh, sì”.

Due modi comuni in cui i nootropi possono migliorare la circolazione:

  • Aumento della vasodilatazione dei vasi sanguigni
  • Diminuendo la “viscosità” delle cellule del sangue

Tali nootropi che favoriscono la circolazione possono anche migliorare le prestazioni atletiche, poiché l’ossigeno è un componente enorme della resistenza muscolare.

Benefici di Nootropics per Brain Fog

Va bene, quindi l’ovvio vantaggio dei nootropi per il cervello è meno nebbia del cervello … Tuttavia, con meno nebbia del cervello arrivano numerosi miglioramenti cognitivi indiretti, tra cui:

  • Migliore giudizio e risoluzione dei problemi
  • Comportamento e umore più socievoli
  • Migliore cognizione relativa all’attività (o memoria di lavoro)
  • Resistenza mentale migliorata
  • Ritorni più veloci e più spiritosi

Esatto: i nootropi che alleviano la nebbia del cervello migliorano il tuo gioco di ritorno, e lo prendo molto sul serio. Come uno studente di basso profilo di Oscar Wilde, so che avere un’intelligenza forte può farti fare un lungo, lungo cammino nella vita. E quindi se sono in qualche modo indebolito o insultato, devo assicurarmi di avere un cervello pensante rapido e pulito – completamente privo di nebbia – in modo da rispondere con un vero zenzero. Altrimenti, sono esposto e tutto il mio anno è rovinato.

I migliori nootropi per Brain Fog nel 2020

Rhodiola Rosea

La rodiola è una delizia atletica, rinvigorendo la chiarezza mentale e fisica.

Rhodiola rosea è tanto un nootropico quanto un potenziatore delle prestazioni fisiche. Ciò è dovuto alla spinta generale della Rhodiola sul cervello e alla risposta adattativa del corpo allo stress e alla fatica. Spesso citato come un booster di energia, Rhodiola è più un riduttore della fatica, migliorando la vigilanza e la resistenza cognitiva di fronte alla stanchezza nebbiosa.

Lo stress contribuisce in modo significativo alla nebbia cerebrale e alla fatica. In effetti, la nebbia del cervello può essere un segno sicuro che sei troppo stressato / lavorato. Come uno dei primi adattogeni nootropici (una classe di nootropi a base di erbe noti per le loro proprietà di miglioramento sulla capacità del corpo di adattare stress), il Rhodiola può aiutare a limitare gli impatti negativi dello stress, sia che si tratti di stress da un compito mentalmente impegnativo o di un allenamento fisico intenso.

In un studio clinico controllato con placebo eseguita su adulti affetti da affaticamento mentale, la somministrazione di Rhodiola ha migliorato:

  • Attenzione e concentrazione
  • Resistenza alla fatica
  • Prestazioni del test cognitivo

I benefici adattativi della Rhodiola contro l’affaticamento mentale sono stati attribuiti agli effetti regolatori dell’erba sul cortisolo dell’ormone dello stress. A causa del ruolo del cortisolo nel risveglio della cognizione, considero il Rhodiola come un ottimo stimolante cognitivo mattutino, migliore anche del caffè, che probabilmente sovraccarica il cervello e il corpo fino allo sfinimento. Se la nebbia del cervello è un evento comune per te, consiglierei di assumere Rhodiola al mattino per quella corsa iniziale di chiarezza mentale, poi di nuovo più tardi nella giornata per Continua così spinta motivazionale.

Altro su Rhodiola Rosea.

citicolina

Per molte noci nootropiche, la colina è il fondamento di qualsiasi stack di salute del cervello. “Quale colinergico usi?” Mi viene spesso chiesto quando condivido la mia geekiness nootropica con gli altri. Mentre l’alfa-GPC è una fantastica opzione di colina, che fornisce la concentrazione di colina più densa in grado di attraversare la barriera emato-encefalica, preferisco citicolina per la sua composizione in due parti di:

  • Colina – il composto precursore dell’acetilcolina, un importante neurotrasmettitore della memoria e dell’apprendimento.
  • cytidine – il precursore dell’uridina, un nucleotide nootropico con significativi benefici di plasticità sinaptica.

La colina semplice è ottima per le prestazioni cognitive. Tuttavia, la citidina aggiuntiva compie ulteriori aumenti del cervello migliorando la produzione di energia. È un blocco nootropico, che fornisce sia la materia prima per i prodotti chimici del cervello che le membrane delle cellule cerebrali e allo stesso tempo aumenta la fornitura di carburante (cioè energia) con cui mettere il cervello in azione metabolica.

Per l’utente medio e sano, i benefici della citicolina tendono ad essere legati alla memoria e alla messa a fuoco. Tuttavia, per i mentalmente affaticati – o annebbiati – i potenziamenti cerebrali della citicolina possono aiutare a mitigare gli effetti negativi del burnout cerebrale aumento della bioenergetica del lobo frontale (o attività di energia cerebrale).

Ricostituendo direttamente il cervello, la citicolina funziona molto bene contro la nebbia del cervello. Tuttavia, non esagerare: i miei primi passi alla citicolina hanno effettivamente aumentato la nebbia del cervello, portando a pensieri intasati per ore. Inizia con un dosaggio più piccolo, quindi passa alla zona di potenziamento del picco.

Altro su Citicoline.

L-tirosina + vitamine del gruppo B.

Rhodiola può ridurre la nebbia del cervello mitigando la risposta dell’ormone dello stress, mentre L-tirosina (o N-acetil L-tirosina) aiuta ad alleviare le conseguenze neurochimiche dell’eccesso di stress. In condizioni di forte stress o attività, il cervello brucia attraverso i neurotrasmettitori della catecolamina, come la dopamina, la noradrenalina e l’epinefrina. La tirosina, un composto precursore delle catecolamine, rifiuta naturalmente di tenere il passo con le richieste iperattive del cervello.

Quando i livelli di tirosina naturale diminuiscono, il cervello si brucia.

L’integrazione di L-tirosina può aiutare ad alleviare la nebbia del cervello associata all’esaurimento della catecolamina. O per riformularlo in termini più pratici: l’integrazione di L-tirosina può aiutare ad alleviare la nebbia del cervello associata a privazione del sonno, eccesso di stress, disagio fisico (ad esempio, esposizione al freddo), ecc. È un amminoacido nootropico unico che sembra particolarmente lavorare in queste condizioni di stress elevato e alta attività. In condizioni normali, tu potrebbe sperimentare un leggero aumento dell’umore e della motivazione … ma non molto altro.

Con questo in mente, considero la L-tirosina come un nootropic di “prestazione della frizione”, facendo ricorso a questo aminoacido quando ho davvero bisogno di allacciarmi con una mente chiara per assumere qualsiasi incarico che mi ha sottolineato in primo luogo. A volte la prendo per prima cosa al mattino dopo una povera notte di sonno. Occasionalmente, lo prendo a metà del mio incarico. Lo prendo sempre insieme Vitamine del gruppo B che sono richiesti nei processi di conversione della catecolamina. (Inoltre, le vitamine del gruppo B aiutano la circolazione cerebrale, aumentando la consegna di ossigeno e sostanze nutritive al cervello per una migliore cognizione alimentata.)

Altro su L-tirosina.

NADH (nicotinamide adenina dinucleotide)

Direttamente coinvolto nella catena di trasporto degli elettroni mitocondriali (METC), nicotinamide adenina dinucleotide (NADH) svolge un ruolo chiave nella produzione di energia ATP mitocondriale in tutto il cervello e il corpo. Se ricordi di essere tornato alla biologia delle superiori, l’ATP è l’unità energetica di base richiesta dal cervello e dal corpo per fare qualsiasi cosa.

E poiché i livelli naturali di NADH diminuiscono con l’avanzare dell’età, un basso livello di NADH sembra contribuire in modo significativo alla nebbia e alla fatica del cervello degli anziani.

Catena di trasporto degli elettroni mitocondriali (METC), tramite Wikimedia Commons

Mentre la ricerca sul potenziale nootropico di NADH è limitata, l’uso nootropico di NADH per nebbia cerebrale e affaticamento ha un senso teorico. Almeno, gli integratori NADH sono comunemente raccomandati alle persone che mostrano sintomi di sindrome da affaticamento cronico e l’evidenza aneddotica del funzionamento di NADH in questi casi sembra ragionevolmente promettente.

Tuttavia, se non sei interamente venduto su NADH, non è una cattiva idea considerare anche altri antiossidanti energizzanti per il cervello, come PQQ, CoQ10 e (la voce successiva) ALCAR.

Altro su NADH.

Acetil-L-Carnitina (ALCAR)

Ecco cosa dice la ricerca: Acetil-L-Carnitina (ALCAR) migliora la cognizione principalmente per i bevitori anziani e pesanti. Tuttavia, il supporto mitocondriale dell’amminoacido può favorire la produzione di energia di altri:

  • Miglioramento del trasporto di acidi grassi verso i mitocondri.
  • Assistenza nella rimozione dei rifiuti dai mitocondri.

Integratori brucia grassi come ALCAR per la convinzione che l’integrazione ALCAR converte il grasso in energia. In effetti, la forma di L-carnitina L-tartrato (LCLT) sembra particolarmente favorita dalla scultura dei culturisti per il suo potenziale brucia grassi. Tuttavia, ALCAR soddisfa le esigenze nootropiche degli affaticati mentali, a causa della capacità di ALCAR di attraversare la barriera emato-encefalica.

Potresti notare uno schema con tutti gli stimolatori cerebrali elencati qui (NADH, PQQ, CoQ10, ALCAR) in quanto tutti aiutano la produzione di energia mitocondriale. Mentre la nebbia del cervello non è sempre attribuita alla scarsa produzione di energia, spesso accade che la scarsa produzione di energia sia attribuita alla nebbia del cervello. Questo ha senso: la produzione a bassa energia contribuisce al pensiero stanco.

La supplementazione di ALCAR può teoricamente aiutare, motivo per cui è forse un ammino nootropico così popolare nelle pile di integratori per la salute del cervello.

Altro su ALCAR.

Ginkgo biloba

Spesso associato all’assistenza sanitaria cerebrale anziana, Ginkgo biloba migliora la chiarezza cognitiva e le prestazioni affrontando un problema di maggiore prevalenza in età avanzata: cattiva circolazione. Con l’età, i problemi circolatori diventano un problema. Quando il flusso sanguigno vacilla, il nostro cervello che richiede energia non riesce a ricevere livelli adeguati di ossigeno e sostanze nutritive, cioè carburante per il cervello. Una cattiva circolazione cerebrale porta a un cattivo nutrimento cerebrale, un fattore chiave nella nebbia cerebrale.

Ma in che modo il Ginkgo Biloba migliora la circolazione? Due strade:

  1. Dilatando i vasi sanguigni.
  2. E riducendo la “viscosità” delle cellule del sangue.

L’aumento del flusso di sangue al cervello ha un notevole beneficio sulla cognizione, liberando significativamente la mente per un pensiero migliore e correlato alle attività. In effetti, la spinta al pensiero legato alle attività (o memoria di lavoro) sembra avvantaggiare gli utenti più giovani, sani e gli anziani. Per un po ‘, mi mancava l’apprezzamento per il Ginkgo, visto che lo consideravo solo benefico per le persone anziane. Tuttavia, l’esperienza personale ha trovato l’erba e i suoi estratti utili per schiarirmi le idee prima di un lungo incarico stimolante o addirittura prima dell’esercizio.

Altro su Ginkgo Biloba.

I migliori integratori nootropici per Brain Fog nel 2020

Uno dei nootropi sopra elencati può aiutare a sconfiggere la nebbia del cervello. La combinazione di tutti potrebbe funzionare ancora meglio. Tuttavia, questi non sono gli unici nootropi che aiutano a combattere la nebbia del cervello. In realtà, la nebbia del cervello può insorgere a causa di un numero qualsiasi di disturbi cognitivi indiretti. E così la mia politica personale per sconfiggere la nebbia del cervello implica prendere una pila quotidiana di salute del cervello che copra tutti i principali percorsi coinvolti nel pensiero chiaro. Per quanto riguarda gli stack prefabbricati, i miei integratori nootropici preferiti per la nebbia del cervello includono:

Mind Lab Pro

Mind Lab Pro è uno stack completo di alta qualità per la salute del cervello che copre sei punti chiave della pressione cognitiva per raggiungere l’obiettivo finale di Brainpower 100%. Invece di fornire tutto sotto il sole, Mind Lab Pro si concentra sugli elementi essenziali nudi, offrendo un impressionante mix “sinergico” di nootropi che migliorano del tutto:
  • Brain Energy
  • Neurotrasmettitori
  • Circolazione sanguigna
  • Onde cerebrali
  • neuroprotezione
  • Neuroregeneration

Per la nebbia cerebrale, Mind Lab Pro fornisce alcuni degli ingredienti sopra elencati oltre a molti altri fantastici stimolatori cerebrali. E ciò che colpisce di più di questo stack è la sua eccezionale qualità: Mind Lab Pro non ha limiti in termini di potenza o qualità degli ingredienti.

Considero l’MLP un ottimo stack quotidiano non solo per alleviare la nebbia del cervello, ma anche per migliorare le protezioni naturali del cervello contro il burnout mentale.

Ne vuoi un po ‘? Ottieni le migliori offerte su Mind Lab Pro qui.

Leggi la mia recensione approfondita su Mind Lab Pro.

Performance Lab Energy

Se temi che la nebbia del cervello possa essere dovuta a livelli di energia deboli, non cercare di correggerla con caffeina o altri stimolanti O economici. Invece, scegli un potenziatore di energia molecolare, come Performance Lab Energy. Invece di arrossire il cervello con una stimolazione economica e facile, Performance Lab Energy fornisce un ricco mix di antiossidanti che potenziano il cervello che migliorano la produzione di energia mitocondriale.

Antiossidanti come Acido ALCAR, PQQ, CoQ10 e R-Lipoico.

È l’approccio intelligente e nootropico per migliorare l’energia del cervello – uno che migliora i livelli di energia, e quindi la chiarezza cognitiva, senza diminuire gli aspetti di salute a lungo termine della cognizione (il modo in cui, ad esempio, Adderall fa). E simile a Mind Lab Pro, Performance Lab Energy fornisce solo forme di ingredienti di alta qualità per una maggiore potenza ed efficacia.

Ne vuoi un po ‘? Ottieni le migliori offerte su Performance Lab Energy qui.

Leggi la mia recensione approfondita su Performance Lab Energy.

Conclusione

Il pensiero nebbioso porta a cattive chiamate di giudizio. Ho capito, ci sono stato molte volte. Un effetto collaterale comune del pensiero nebbioso è la ricerca di soluzioni mal giudicate, come Adderall del tuo compagno di stanza o quella pila di Red Bull seduto nel 7-Eleven più vicino.

In un pizzico, non sono contrario alla ricerca di un intervento di Noopept o fenilpiracetam (o simile). Questi sono ottimi per gli stimoli cerebrali necessari. Tuttavia, in generale, è meglio guardare il tuo stack giornaliero di salute del cervello per assicurarti di ottenere tutto ciò di cui hai bisogno in modo da fermare la nebbia del cervello in primo luogo. Concesso, con l’età, ci si aspetta una (o molta) nebbia cerebrale. Tuttavia, ci sono modi per renderlo non così grave come ho elencato sopra.

Detto questo, a volte il cattivo giudizio può essere divertente. Quindi, se sei il tipo avventuroso “vediamo dove ci prende questa decisione sbagliata”, allora: non prendere nessuno dei nootropi elencati in questo articolo. Guarda dove ti porta la nebbia del cervello – e non dimenticare di fare foto!


Per ulteriori informazioni sui gustosi nootropi, controlla il mio I migliori integratori nootropici da acquistare nel 2020 elenco. E assicurati di commentare eventuali pensieri, domande, aneddoti personali, haikus, snafus, ecc. In basso!

Source link

Exit mobile version